Bersani su Schlein: "Se allarga il Pd e lo farà discutere saprà tenerlo unito"
Top

Bersani su Schlein: "Se allarga il Pd e lo farà discutere saprà tenerlo unito"

L'ex segretario del Partito Democratico Pier Luigi Bersani, non esclude di poter riprendere la tessera se nel Pd ci sarà un nuovo inizio

Bersani su Schlein: "Se allarga il Pd e lo farà discutere saprà tenerlo unito"
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Marzo 2023 - 10.32


ATF

Il vecchio capo torna nella nuova ditta? Perché no? Se per il Pd «come spero, sarà un nuovo inizio, ci sarò anch’io» nel riprendere la tessera. Lo dice in un’intervista al Corriere della Sera l’ex segretario del Partito Democratico Pier Luigi Bersani. Per la nuova guida di Elly Schlein «evocare il Pci è una semplificazione» spiega.

È presto per giudicare l’esordio della neo segretaria, «certamente c’è una novità che contiene un elemento di avventura» ma «c’è uno sguardo positivo su questa ripartenza. Che sia una donna aiuta molto. Uno slogan come «donna vita libertà» equivale a liberté, égalité fraternité». Questo secolo «sarà la rivincita storica delle donne. Meloni-Schlein vuol dire che siamo europei».

Se uno organizza «un progetto su disuguaglianza, dignità del lavoro, cambiamento climatico, diritti sociali e civili si occupa di temi periferici? No, si occupa del clou della questione che riguarda i lavoratori, i ceti medi, gli imprenditori… Vedere nella prospettiva Schlein un ripiegamento è una cosa assurda» osserva. Se Schlein «allarga il Pd e lo fa discutere, sono convinto che saprà tenerlo unito». Il servizio da fare al Paese «è costruire un campo di alternativa e se qualcuno nel campo pensa di ballare da solo finirà nel disgusto di metà dell’elettorato italiano».

Leggi anche:  Liste d'attesa, Schlein contro il governo: "Il decreto fuffa è già diventato decreto zuffa"

Bersani ce l’ha «con chiunque pensi di lottare per la supremazia, mentre c’è una destra-destra. Sarà più avanti il più generoso nel costruire l’alternativa che la nostra gente ci chiede, non chi balla da solo, si chiami Schlein, Conte, Calenda o Renzi».

Sul giudicare le responsabilità nel naufragio di Cutro, «voglio aspettare la magistratura». Per sottolineare «l’inadeguatezza totale del governo» per Bersani, bastano le dichiarazioni di Piantedosi. Con molto meno, «in un Paese occidentale un ministro sarebbe andato a casa». Per quanto riguarda la guerra in Ucraina, «armi per tenere in piedi l’Ucraina indipendente sì, per tenere in piedi la guerra no».

Infine, rispetto all’indagine di Bergamo, «si faccia pure chiarezza, ma sul coraggio e la correttezza di Conte, Speranza e del Cts – commenta – sono certissimo». 

Native

Articoli correlati