Top

A Vienna falchi e colombe al tavolo del negoziato sul nucleare iraniano

Dopo cinque mesi, sono ripresi nella capitale i colloqui con Teheran sul programma nucleare iraniano. I diplomatici occidentali hanno avvertito che il tempo stringe per negoziare

A Vienna falchi e colombe al tavolo del negoziato sul nucleare iraniano
Nucleare iraniano

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

29 Novembre 2021 - 18.21


Preroll

Il dopo-Trump in politica estera inizia da Vienna. E da uno dei dossier più caldi: il nucleare iraniano.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Nuovo inizio

Middle placement Mobile

Dopo cinque mesi, sono ripresi nella capitale i colloqui con Teheran sul programma nucleare iraniano. I diplomatici occidentali hanno avvertito che il tempo stringe per negoziare una soluzione a causa dei significativi progressi che l’Iran ha fatto nel suo programma di arricchimento dell’uranio, che è un possibile percorso verso la costruzione di un ordigno nucleare. Il presidente iraniano Ebrahim Raisi, fino ad oggi, ha sempre ribadito che i negoziatori iraniani non si tireranno indietro “in alcun modo” nel difendere i propri interessi. Il ministero degli Esteri iraniano ha detto di volere una “ammissione di colpevolezza” dagli Stati Uniti, l’immediata revoca di tutte le sanzioni statunitensi e una “garanzia” che nessun futuro presidente degli Stati Uniti abbandonerà di nuovo unilateralmente l’accordo, come fatto dall’ex inquilino della Casa Bianca, Donald Trump. L’inviato speciale di Biden per l’Iran, Robert Malley, ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a prendere tutte le misure necessarie per tornare in regola, compresa la revoca delle sanzioni imposte dall’amministrazione Trump che hanno paralizzato l’economia iraniana. Ma Malley ha anche avvertito l’Iran che la “finestra per i negoziati… non sarà aperta per sempre”. “Ad un certo punto, il Jcpoa (Accordo sul nucleare iraniano) sarà molto eroso perché l’Iran avrà fatto progressi che non possono essere invertiti. In questo caso non potremo negoziare – non si può far rivivere un cadavere”, ha detto in un briefing il mese scorso. Da parte sua, il dipartimento di Stato Usa ha spiegato che “ogni opzione è sul tavolo” se l’Iran non negozierà in buona fede e non rimetterà il suo programma nucleare “nel quadro” dell’accordo. 

Dynamic 1

“Se gli Usa vengono a Vienna per i colloqui sul nucleare con l’obiettivo di rimuovere le sanzioni potranno cogliere l’opportunità di tornare all’accordo”, ribadisce il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Saeed Khatibzadeh.  Il negoziato sarà più semplice se gli Stati Uniti saranno “determinati a rimuovere gli ostacoli” per tornare ai colloqui, ha fatto sapere Khatibzadeh, aggiungendo che, in caso contrario, “la situazione sarà difficile e l’Iran prenderà in considerazione altre opzioni”. 

“La piena attuazione dell’accordo Jcpoa è l’unica via per la comunità internazionale di avere rassicurazioni sul nucleare. La diplomazia è l’unica strada”. A sostenerlo è un portavoce della commissione Ue, nel corso del briefing quotidiano, in merito alla ripresa dei colloqui a Vienna sul nucleare iraniane. La ripresa dei negoziati è “cruciale”, ha sottolineato” il portavoce spiegando come l’Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera Josep Borrell “farà di tutto per riportare l’accordo in carreggiata”.

Dynamic 2

In mattinata ha parlato anche il premier israeliano Naftali Bennett: “Non cedere al ricatto del nucleare iraniano”, ovvero “porre fine alle sanzioni in cambio di quasi nulla” lasciando la possibilità a Teheran di mantenere intatto il suo programma nucleare ricevendo centinaia di miliardi di dollari una volta che le sanzioni verranno revocate. In un editoriale congiunto pubblicato sul Daily Telegraph il ministro degli Esteri israeliano, Yair Lapid, e la collega britannica, Liz Truss, hanno dichiarato che lavoreranno “notte e giorno per impedire al regime iraniano di diventare una potenza nucleare”. Il tempo stringe “e questo sottolinea la necessità di una stretta cooperazione con i nostri partner e amici per contrastare le ambizioni di Teheran”, si legge nell’articolo scritto in occasione della visita di Lapid a Londra.

La strada resta in salita.  L’Iran è andato molto avanti con il suo programma nucleare, arricchendo l’uranio in percentuali fino al 60%, ben oltre la soglia del 3,67% prevista dagli accordi del 2015, mettendo in funzione nuove centrifughe avanzate e bloccando in parte le ispezioni internazionali al punto che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha dovuto ammettere di non avere più piena contezza di quello che Teheran sta realmente facendo. Siti come quello di Karaj, oggetto a luglio scorso di un sabotaggio che gli iraniani attribusicono a Israele, sono interdetti agli ispettori. 

Dynamic 3

Vista da Israele

 Di grande interesse, a tal  proposito, è il report su Haaretz di uno dei più autorevoli analisti israeliani di politica estera: Zvi Bar’el.

Dynamic 4

“L’Iran – scrive Bar’el –  è pronto a raggiungere rapidamente un ‘buon accordo’, con l’obiettivo di proteggere i diritti e gli interessi del popolo iraniano, ha annunciato sabato il ministro degli esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian, prima dell’arrivo a Vienna del suo vice, Ali Bagheri Kani, il capo negoziatore nucleare del paese. Una lunga analisi pubblicata in farsi sul sito di notizie internet Fars domenica ha cercato di spiegare ciò che l’Iran considera un buon accordo. L’autore ha detto inequivocabilmente che un accordo temporaneo o parziale, che è stato soprannominato ‘meno per meno’, non è buono per l’Iran. Sarebbe utile solo se l’America permettesse all’Iran di rientrare pienamente nel mercato del petrolio, ha scritto, e poiché Washington apparentemente non intende fare questa concessione, non ha senso parlare di questa opzione. Più che spiegare perché l’Iran dovrebbe rifiutare un accordo parziale, l’articolo spiegava ciò che l’Iran sta cercando. L’ipotesi che si sta radicando in Occidente è che l’Iran non sia interessato a negoziare un nuovo accordo nucleare; vuole continuare ad arricchire l’uranio, costruire un’arma nucleare e rafforzare così la sua posizione regionale e internazionale. Questa supposizione si basa in parte sul fatto che l’Iran è riuscito finora a sopravvivere a tutte le sanzioni che gli sono state imposte negli ultimi 40 anni, compresa la politica di ‘massima pressione’ dell’ex presidente americano Donald Trump. Inoltre, secondo questo argomento, l’Iran è convinto che la Cina continuerà a comprare petrolio da lui nonostante le sanzioni, che la Russia gli darà un sostegno diplomatico e che può proteggere la sua posizione regionale attraverso il dialogo e gli accordi con gli Stati del Golfo come gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita, con i quali è già in trattative diplomatiche avanzate. Finora ha anche resistito alle pressioni per permettere agli ispettori delle Nazioni Unite di ispezionare i suoi impianti nucleari. E secondo l’articolo di Fars, l’opzione militare è un bluff; anche Trump non ha mai avuto intenzione di usarla, e l’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden certamente non lo farà, poiché non vuole imbarcarsi in una nuova guerra mediorientale. Di conseguenza, secondo questo argomento, l’Iran non ha bisogno di un accordo. Ma tutti questi argomenti sul perché i colloqui che si apriranno lunedì a Vienna non rispondono a una domanda: perché l’Iran vi partecipa comunque? Lo fa solo per sfuggire alla colpa della violazione dell’accordo, che finora è stata attribuita solo a Trump?

Oppure ha intenzione di fare una finta di partecipare, ma in realtà trascinare i colloqui continuando ad arricchire l’uranio, sul presupposto che finché i colloqui continuano, è al sicuro da attacchi? Ma se l’Iran non ha paura di un attacco militare, presentarsi a Vienna non è necessario. L’ipotesi dell’Occidente solleva anche altre domande. Per esempio, perché l’Iran ha deciso di entrare nei negoziati nucleari già nel 2013, quando le sanzioni erano meno onerose di quelle imposte da Trump? Inoltre, dopo che Trump si è ritirato dall’accordo, perché l’Iran ha aspettato un anno intero prima di iniziare a violarlo pubblicamente? All’epoca, gli esperti occidentali hanno ipotizzato che l’Iran cercasse di fare pressione su Washington e i suoi partner europei nell’accordo per ritornarvi rapidamente.

Dynamic 5

Ci si potrebbe anche chiedere perché il leader supremo dell’Iran, Ali Khamenei, ha approvato sei cicli di colloqui dopo che Biden è entrato in carica. Secondo l’ex presidente iraniano Hassan Rohani, le parti erano riuscite a superare la maggior parte degli ostacoli, e un nuovo accordo dipendeva solo da una decisione politica dei governi interessati. In altre parole, i problemi tecnici – quanto uranio l’Iran può arricchire, gli orari e i meccanismi di ispezione – erano stati risolti.

Sono passati cinque mesi da quando i colloqui si sono conclusi a giugno. Da allora, l’Iran ha fatto dei passi che potrebbero indicare l’intenzione di tornare all’accordo. Ha fatto scorte di petrolio in modo da poter entrare nel mercato del petrolio in grande stile una volta che le sanzioni sono state revocate. Ha cercato di riconquistare ex clienti come l’India, la Corea del Sud e il Giappone.

L’Iran ha anche accettato di negoziare con alti funzionari sauditi come parte di una nuova agenda, impostata dal nuovo presidente Ebrahim Raisi insieme a Khamenei, in base alla quale la riconciliazione con i vicini, soprattutto gli Stati del Golfo, è diventata una priorità assoluta. Sta conducendo intensi colloqui con gli Emirati Arabi Uniti, e dopo l’imminente visita a Teheran del consigliere per la sicurezza nazionale emiratino Tahnoun bin Zayed, si parla di una prima visita del sovrano degli EAU, Mohammed bin Zayed. L’Iran sa bene che senza un nuovo accordo che elimini le sanzioni, tutti questi passi diplomatici non hanno senso. Né la relazione fredda di Biden con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, né l’avvicinamento di Riyadh alla Russia e alla Cina diminuiscono la dipendenza dell’Arabia Saudita dall’America in materia di sicurezza. Lo stesso vale per gli Emirati Arabi Uniti, che sono strettamente legati all’America sia economicamente che militarmente.

Di conseguenza, sembra che la consapevolezza degli Stati del Golfo che Washington raggiungerà un accordo con Teheran è ciò che li ha spinti a gettare le basi per la normalizzazione con il loro vicino.

A tutto questo si deve aggiungere il fatto ben noto che l’Iran si trova in una profonda crisi economica che ha stimolato le proteste contro la mancanza d’acqua, il costo della vita, il crollo del rial e la conseguente diminuzione del potere d’acquisto, la crisi degli alloggi e la disoccupazione diffusa. Queste sono tutte le ragioni che hanno costretto l’Iran a firmare l’accordo nucleare originale nel 2015.

È difficile valutare l’impatto della pressione interna. Non ogni protesta, per quanto grande, è una minaccia immediata per il regime. Proteste molto più grandi e minacciose hanno avuto luogo nel 2009 e di nuovo nel 2012. E negli ultimi due anni, non è passata una settimana senza proteste di varie dimensioni.

La sfida del regime non è la sopravvivenza, ma il mantenimento della promessa della rivoluzione islamica, che è diventata la base ideologica del suo contratto con il pubblico. Questo contratto richiede che il regime fornisca una buona vita, un’economia sana e opportunità di lavoro e di studio, trasformando così l’unico stato sciita del mondo in un modello di ruolo islamico globale.

Si potrebbe sogghignare di fronte a queste alte ambizioni. Ma quando si ascoltano le critiche degli iraniani al loro governo, la frase ‘i valori della rivoluzione’ – o più precisamente, ‘tradire i valori della rivoluzione’ – ne è una parte inseparabile.

Dato tutto questo, l’ipotesi di lavoro dovrebbe essere che l’Iran vuole un accordo e lo vuole anche rapidamente. La questione pratica è se le potenze occidentali sono disposte ad accettare che non sono le uniche a cercare un accordo che considerano migliore; lo è anche l’Iran.

Le condizioni dichiarate dall’Iran non sono un segreto. In primo luogo, vuole garanzie certe che l’America non si ritirerà di nuovo dall’accordo, anche sotto un futuro presidente. Chiede anche la rimozione di tutte le sanzioni impostegli sia prima che dopo che l’America si è ritirata dall’accordo nel 2018, così come un meccanismo di supervisione che assicuri la loro rimozione.

L’Iran ha detto che non intende negoziare sul suo programma nucleare, ma solo sulle sanzioni. Da questo, si può concludere che tutte le questioni relative al programma nucleare erano già state risolte durante i precedenti round di colloqui.

Le condizioni di Teheran sono ovviamente difficili da digerire. Biden non può fare promesse che vincoleranno i futuri presidenti, né può promettere la rimozione delle sanzioni imposte all’Iran per questioni diverse dal programma nucleare, come le sue violazioni dei diritti umani e il suo finanziamento delle organizzazioni terroristiche. Anche se volesse, la rimozione di tali sanzioni richiederebbe una legislazione speciale.

Per quanto riguarda il meccanismo di supervisione, l’interpretazione dell’Iran è che le sanzioni saranno rimosse prima e solo allora riprenderà a rispettare i termini dell’accordo nucleare originale. Ma queste condizioni sembrano attualmente una rigida posizione di apertura. Come è usuale in negoziati così complessi, è probabile che ci siano esplosioni, rotture, minacce e recriminazioni reciproche, oltre alle svolte.

Sul lato positivo, l’Iran è chiaramente diventato molto abile nella tattica di andare al limite ma non oltre. Quando ha pensato che Washington e i suoi partner fossero pronti ad abbandonare i colloqui, ha fissato una data per riprenderli.

Teheran continuerà a testare la flessibilità e la pazienza dei suoi partner. Ma questo è ben lontano dall’essere disposti a rinunciare completamente a un accordo”.

Così Bar’el.

Il 2022 può essere l’anno del disgelo sul fronte iraniano. Se si determinasse, a cambiare sarebbe il volto dell’intero Medio Oriente. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile