Israele: Netanyahu, azzardo finale
Top

Israele: Netanyahu, azzardo finale

Dopo aver strappato le elezioni, questa volta Netanyahu potrebbe cambiare radicalmente la democrazia israeliana

Israele: Netanyahu, azzardo finale
Benjamin Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

3 Novembre 2022 - 17.55


ATF

Il futuro ha il volto di un passato immarcescibile. Il voto del Primo ministro più longevo nella storia d’Israele. Il volto di Benjamin Netanyahu. Dopo una breve parentesi all’opposizione, è tornato ad essere il padre-padrone del destino d’Israele. A darne conto sono due delle più prestigiose firme del giornalismo israeliano: Amos Harel e Anshel Pfeffer. Con loro Globalist conclude il suo viaggio nel “martedì nero” d’Israele.

Dopo aver strappato le elezioni, questa volta Netanyahu potrebbe cambiare radicalmente la democrazia israeliana

E’ il titolo dell’analisi di Harel. “Benjamin Netanyahu e il suo partito Likud  – scrive la firma di Haaretz – hanno condotto una campagna elettorale incredibilmente ben congegnata e disciplinata negli ultimi due mesi. Gli sbruffoni del Likud sono stati messi a tacere fino alla chiusura dei seggi elettorali.


L’alleanza con l’estremista di destra Itamar Ben-Gvir è stata minimizzata e Netanyahu è apparso responsabile, quasi da statista. Ogni volta che gli è stato chiesto se prevedeva una legislazione drastica se fosse diventato primo ministro, è stato deliberatamente vago. Ma un cartellone elettorale si è distinto, quello dall’aspetto cupo con la didascalia: “Basta. Ne abbiamo abbastanza”. Raffigura il Primo Ministro uscente Yair Lapid e il suo partner di coalizione, Mansour Abbas della Lista Araba Unita. Grazie alle meraviglie di Photoshop, vi compaiono anche i legislatori arabi Ayman Odeh e Ahmad Tibi, che in realtà hanno fatto tutto il possibile per aiutare Netanyahu a rovesciare il “governo del cambiamento” di Lapid. Il messaggio “ne abbiamo abbastanza” sembra essere stato recepito dai sostenitori del Likud, del Sionismo religioso e dei partiti ultraortodossi. È probabile che questo messaggio abbia aiutato Netanyahu a vincere le elezioni di martedì. Oltre alla politica identitaria e al sostegno alla battaglia di Netanyahu per la sopravvivenza contro un sistema legale che, a suo dire, lo sta perseguitando, martedì è stato in gioco un altro fattore critico: l’odio verso gli arabi e il desiderio di tenerli fuori dalle posizioni di potere. Come è sua abitudine, Netanyahu ha fatto abilmente leva sul sentimento razzista, diffondendo affermazioni senza senso sul fatto che il governo Bennett-Lapid-Gantz abbia dato 53 miliardi di shekel (15 miliardi di dollari) ai Fratelli Musulmani e ad Hamas. La paura e l’odio verso gli arabi israeliani si sono intensificati dopo i disordini nelle città miste ebraico-arabe durante la guerra aerea di Israele contro Gaza nel maggio 2021 – che, tra l’altro, ha avuto luogo verso la fine dell’ultimo mandato di Netanyahu come primo ministro. Un altro sviluppo non ha apparentemente ricevuto sufficiente attenzione da parte dei media: un aumento della criminalità araba contro gli ebrei (furti con scasso e in agricoltura, racket della protezione, disordini), soprattutto in Galilea e nel Negev. Questi sviluppi, aumentati durante il mandato di Netanyahu, sono peggiorati nell’ultimo anno. La sensazione generale è stata quella di una perdita di governance e di sicurezza personale – il problema in realtà riguarda più gli israeliani arabi che i palestinesi nei territori. Il Likud continua a cavalcare chiare tendenze demografiche, approfittando del fatto che per molti israeliani – ebrei “tradizionali”, religiosi-sionisti e ultraortodossi – gli arabi al governo sono uno straccio rosso da combattere con tutte le forze. E mentre Netanyahu rafforzava il suo campo all’inizio della campagna elettorale, stringendo accordi, l’altra parte – dalla disastrosa arroganza del leader del Partito Laburista Merav Michaeli alle lotte intestine tra i partiti arabi – si procurava ferite autoinflitte. 

Leggi anche:  Ultimatum di Israele: offensiva a Rafah se Hamas non libererà gli ostaggi entro l'inizio del Ramadan

Nei suoi 15 anni di potere – due periodi interrotti da un decennio – abbiamo avuto a che fare con  i molti volti di Netanyahu. Spesso ci sono state “fratture” tra la sua retorica bellicosa e le sue azioni. Le sue minacce contro i nemici di Israele non si sono tradotte in avventure militari, e i suoi attacchi al sistema legale non si sono ancora tradotti in tentativi di cambiare radicalmente la democrazia israeliana.
Ma questa volta, ovviamente, le circostanze sono diverse. Ora stiamo assistendo a una confluenza tra una necessità (la legislazione per cancellare il processo per corruzione di Netanyahu) e una capacità (un nuovo governo di estrema destra con partner che sarebbero felici di limitare il potere della Corte Suprema – e quello della polizia e della procura statale).


Le poche volte che Netanyahu ha commentato le possibili riforme legali, ha parlato di una commissione che avrebbe esaminato la questione e formulato raccomandazioni. Possiamo supporre che i membri di tale commissione siano stati identificati, insieme agli obiettivi. Il risultato sarebbe la sospensione del processo di Netanyahu, ma sarebbe accompagnato da una legislazione che potrebbe cambiare radicalmente la democrazia israeliana. I giuristi che seguono la questione affermano che la nuova coalizione di governo può facilmente completare il processo in pochi mesi, magari con nuove proteste di piazza contro Netanyahu.
I tradizionali lamenti della sinistra sulla fine del Paese non servono a molto. Contrariamente alle valutazioni diffuse negli ultimi giorni, è improbabile che i giornali israeliani vengano chiusi o che i membri della comunità LGBTQ vengano gettati dai tetti – o che vengano istituiti campi di concentramento per gli oppositori del regime. Ma ciò che è previsto è già abbastanza grave.


Non possiamo ignorare la fulminea ascesa di un partito che per metà è composto da sostenitori di Meir Kahane e che sposa un’ideologia razzista. È qui che la politica e l’ideologia hanno possibili implicazioni sulla situazione della sicurezza. Il prossimo gabinetto comprenderà politici sui quali la divisione ebraica del servizio di sicurezza Shin Bet ha dossier spessi. Ora il capo dello Shin Bet Ronen Bar e i suoi collaboratori potrebbero dover condividere con loro informazioni sensibili. Le decisioni del gabinetto di sicurezza che potenzialmente potrebbero portare Israele sull’orlo della guerra saranno prese con la partecipazione di funzionari il cui legame con il servizio militare, per non parlare delle missioni di combattimento, è molto tenue…”.

Così Harel.

Le mosse spiazzanti

Le ricostruisce, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Anshel Pfeffer.

Leggi anche:  I "tre dilemmi" che segneranno il futuro della Palestina. E non solo

“Quale coalizione formerà ora il trionfatore Benjamin Netanyahu? La risposta più ovvia – scrive Pfeffer . è quella che ha: Il Likud e i tre partiti – Shas, United Torah Judaism e Sionismo Religioso – che sono stati con lui all’opposizione e lo hanno sostenuto per tutta la campagna elettorale. Sono i partiti che compongono la sua nuova maggioranza e, inoltre, nessun altro partito della Knesset è disposto a entrare nel suo governo.
Ma quando Netanyahu forma una coalizione, qualcosa sembra quasi sempre andare storto o non andare come previsto. Già nel 1996, quando divenne per la prima volta Primo ministro, il giuramento del gabinetto fu quasi vanificato quando gli anziani del partito (allora tutti più anziani di Netanyahu) si ribellarono al suo piano di tenere Ariel Sharon fuori dal suo governo. Ciò costrinse Netanyahu a mettere insieme il Ministero delle Infrastrutture Nazionali per il generale in pensione.


Nel 2009, quando Netanyahu tornò al potere, sorprese tutti invitando i laburisti a entrare nel gabinetto e nominando il loro leader Ehud Barak come ministro della Difesa.


E nel 2013, il primo partito invitato a entrare nel governo di Netanyahu è stato sorprendentemente Hatnuah, guidato dalla sua acerrima rivale Tzipi Livni. Nel 2015 le cose sono state più semplici, anche se dietro le quinte Netanyahu ha corteggiato energicamente Isaac Herzog dei laburisti per un anno intero. E poi, naturalmente, ci sono le prime elezioni del 2019. Netanyahu pensava di essersi assicurato 65 membri della Knesset per il giuramento di un nuovo governo, ma all’ultimo minuto Avigdor Lieberman ha ritirato i cinque legislatori del suo partito Yisrael Beiteinu, dando il via all’attuale ciclo di cinque elezioni in tre anni e mezzo. L’altra ragione per non dare automaticamente per scontato che Netanyahu si affretterà a formare una coalizione di quelli che lui chiama “gli alleati naturali del Likud” è che ha sempre fatto in modo che il suo governo includesse un alleato non naturale. Si tratta di un partito centrista, persino di centro-sinistra, che allarga la sua coalizione e gli dà spazio di manovra tra le richieste dei suoi partner. moderato. Lui preferisce così. Lascia che ci siano due schieramenti in lotta nel gabinetto, che si annullano a vicenda, in modo che lui possa essere la figura calma e paterna che promuove una politica pragmatica mentre gli altri si accapigliano. Ha fatto di questo approccio una virtù, tanto che ne ha parlato anche nella sua recente autobiografia.
Ma il nuovo campo di Netanyahu non è in grado di trovare un equilibrio. Tutti i partiti alla sinistra del Likud si rifiutano di entrare nel suo governo e lui ha promesso di non accoglierli. (Anche se è una promessa che ha ripetutamente disatteso in passato). Anche dal punto di vista matematico non sembra essere un’opzione. L’unico partito che potrebbe aderire è il Partito di Unità Nazionale di Benny Gantz, ma con circa 11 seggi è più piccolo del Sionismo Religioso, che cercherà di porre il veto a qualsiasi aggiunta “di sinistra”. Ai partner di Netanyahu le cose piacciono così come sono. Con il Likud in minoranza nella coalizione, ognuno di loro ha molto più potere contrattuale.
Netanyahu ha quindi qualche opzione?

Leggi anche:  Raid israeliano su Damasco: uccise due persone


Tanto per cominciare, potrebbe non essere in cerca di opzioni. Dopo 16 mesi all’opposizione e con il processo per corruzione in corso, potrebbe preferire questa coalizione radicale che sosterrà qualsiasi mossa contro il sistema legale.


Ma Netanyahu è una creatura abitudinaria. Odia essere vincolato dalle circostanze e vuole sempre avere delle opzioni. Inoltre, per quanto sia felice di aver finalmente conquistato la maggioranza, è molto irritato dal fatto che il Likud non sia riuscito ad aggiungere più di un paio di seggi alle elezioni. Sa di dover fare i conti con un grande partito alla sua destra. Itamar Ben-Gvir è servito a portare il voto per il blocco, ma sta diventando troppo grande per i suoi stivali. Netanyahu vorrebbe tanto ridimensionare il sionismo religioso. La vera domanda non è se Netanyahu cercherà a un certo punto di spingere Ben-Gvir fuori dalla sua coalizione e di sostituirlo con Gantz, ma quando organizzerà una crisi di coalizione per far precipitare questa mossa. La cosa più semplice sarebbe utilizzare un dettaglio particolarmente grave della lunga lista di richieste di Ben-Gvir, che porterà ai colloqui di coalizione che inizieranno la prossima settimana.


Ma Netanyahu è ansioso di tornare in carica il prima possibile. Troppi mercanteggiamenti rimanderanno l’insediamento del suo nuovo governo. È più probabile che aspetti qualche mese finché non si presenterà l’occasione giusta, e con Ben-Gvir lo farà. A quel punto, Gantz, che deve ancora trascorrere un lungo e buio inverno nelle tristi trincee dell’opposizione, avrà iniziato a disperarsi della sua decisione di entrare in politica quattro anni fa. L’ex generale ora tratta l’ufficio del ministro della Difesa, che ha occupato per due anni e mezzo, come il suo feudo divino. Dopo un breve esilio all’opposizione, non vedrà l’ora di rientrare.
Alcuni mesi con una coalizione di estrema destra daranno a Netanyahu anche l’opportunità di apportare i cambiamenti necessari per ostacolare il processo per corruzione contro di lui. Gantz avrà la scusa che il suo ingresso nel governo era un fatto compiuto e Netanyahu dirà che ha cercato di farlo funzionare con Ben-Gvir, ma che semplicemente non era ragionevole.
Netanyahu deve solo scegliere quando agire; otterrà persino il plauso per essersi sbarazzato del kahanista che ha portato dal freddo”, conclude Pfeffer. 

Una cosa è certa. Le carte vincenti le ha in mano “Bibi”. E’ lui a smazzarle, a decidere chi e in che posizione dovrà sedere al tavolo che conta. Lui a dettare le condizioni, a distribuire i posti di potere. In questo gioco è il migliore. Ma stavolta, a fronte del successo dell’estrema destra razzista e fascista, il suo può rivelarsi un gioco d’azzardo. Per Israele. E per i sempre fragili equilibri mediorientali. 

(seconda parte, fine)


Native

Articoli correlati