Israele: la disumanizzazione del nemico per anestetizzare le coscienze
Top

Israele: la disumanizzazione del nemico per anestetizzare le coscienze

Di grande interesse, per la comprensione di ciò che sta avvenendo nei campus Usa, è l’analisi di Flora Cassen, docente associata di Studi ebraici, islamici e mediorientali e di Storia presso la Washington University di St. Louis.

Israele: la disumanizzazione del nemico per anestetizzare le coscienze
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

11 Maggio 2024 - 18.44


ATF

La cosa peggiore è affibbiare etichette demonizzanti che possono star bene ad una certa stampa mainstream ma che non aiutano a comprendere la complessa natura di un fenomeno come quello che sta investendo le più prestigiose università americane e non solo. 

Capire, non etichettare

Di grande interesse, per la comprensione di ciò che sta avvenendo nei campus Usa, è l’analisi di Flora Cassen, docente associata di Studi ebraici, islamici e mediorientali e di Storia presso la Washington University di St. Louis.

Scrive la professoressa Cassen per Haaretz: “Come molti ebrei, l’attacco del 7 ottobre e la guerra a Gaza mi hanno lasciato scioccato e affranto. La mancanza di compassione e di sostegno, unita all’intensità e all’unilateralità delle reazioni, mi hanno colto di sorpresa. Ma ciò che ha accresciuto la mia angoscia è stato il fatto che, oltre agli insopportabili orrori in corso in Medio Oriente, i campus americani e i loro manifestanti si sono impantanati in un profondo e appiccicoso pantano semantico. Invece di discussioni produttive, discutiamo all’infinito e al vetriolo sul significato di antisemitismo e antisionismo. Avevo bisogno di una via d’uscita.

Reddit è un’enorme e anonima raccolta di forum di discussione, chiamati subreddit, su tutti gli argomenti possibili e immaginabili. Le persone possono iscriversi a qualsiasi subreddit se rispettano le regole del gruppo. Grazie a un efficiente sistema di moderatori, Reddit riesce a evitare i peggiori abusi che spesso si trovano nelle bacheche anonime. I post su Reddit sono solitamente utili e sinceri e, con mia grande sorpresa, dato che tendo a evitare i social media, ho trovato conversazioni interessanti e ben informate sul 7 ottobre e sulla guerra nei subreddit dedicati a Israele, Palestina, guerra, ebrei e musulmani. Io stesso non ho postato molto; mi sono unito a questi subreddit per ascoltare e imparare.

Ma un giorno un post mi ha fatto arrabbiare e non ho potuto trattenermi. Qualcuno aveva iniziato una discussione dicendo che nessuna delle persone uccise nelle città intorno al confine di Gaza era civile. L’autore ha portato le prove di una pagina di Wikipedia in cui si spiega che tutte queste città erano state create come avamposti militari al momento della creazione del paese. Ergo, tutte le vittime uccise appartenevano all’esercito. Con un po’ di trepidazione – dato che si trattava di un subreddit descritto come uno spazio sicuro in cui il “pro-sionismo” non è permesso, e i moderatori di Reddit fanno rispettare le loro regole in modo molto rigoroso – ho deciso che questo non poteva rimanere senza risposta. Così ho scritto che, a prescindere dallo scopo originario della città, le persone che vi abitano nel 2023 sono ancora dei civili. Su Reddit, le persone con opinioni impopolari vengono downvotate e ricevono un karma negativo. Ho ricevuto immediatamente decine di downvotes e il karma del mio commento stava rapidamente scivolando verso un punteggio negativo, ma i moderatori non hanno rimosso il mio commento e ne è nata una difficile discussione.

Biden è disposto a sacrificare la rielezione per Israele. È scioccante, straziante e pericoloso”.

“No, queste sono città di confine costruite da un esercito, pianificate per essere una prima linea di difesa”, ha risposto una persona. Ho risposto: “Forse, ma oggi c’è una differenza tra militari e civili”. Un’altra persona ha risposto: “Perché Hamas che prende di mira i civili significa che Israele può bombardarli fino all’oblio, mentre Israele che prende di mira i civili è solo una sfortunata realtà della guerra che dovremmo tutti ignorare? Ti rispondo io perché tu non rispondi onestamente: non consideri i palestinesi come persone vere”. Ho pensato che questo andasse troppo oltre e ho risposto: “Davvero? Dove ho detto che i palestinesi non sono persone reali? Il mio punto di vista era esattamente l’opposto: Uccidere i civili è sbagliato, punto. E questo vale anche per i civili palestinesi, ovviamente”. Pensavo che i Redditors mi avrebbero finalmente dato un po’ di karma positivo, ma no, anche questo commento è stato downvotato una mezza dozzina di volte.

Questa discussione era sconvolgente e il ronzio delle notifiche sul mio telefono cominciava a rendermi nervoso. È stato allora che un altro utente di Reddit è intervenuto dicendo: “Gli israeliani non sono civili. Sono colonizzatori. Quando una terra viene colonizzata, i colonizzatori e i coloni vengono usati come arma di violenza contro i colonizzati. Se gli israeliani non volessero essere uccisi, non dovrebbero colonizzare la Palestina, semplicemente. Questa affermazione assomiglia molto a “Odio la schiavitù, ma non credo sia giusto che gli schiavi di Haiti abbiano ucciso le loro famiglie di schiavisti e altri dipendenti””.

Leggi anche:  Ostaggi: sospese le trattative tra Hamas e Israele per la liberazione degli ostaggi

Da persona che apparentemente non si preoccupava delle vite dei palestinesi, ero diventato qualcuno che negava il diritto delle persone schiavizzate a lottare per la propria libertà. Il mio crimine? Aver sostenuto che gli israeliani uccisi nelle loro case il 7 ottobre fossero civili. Sentivo di dover mettere le cose in chiaro, altrimenti sarei stato bandito dal subreddit, così ho risposto: “Non è quello che ho detto o creduto. Ma stai dicendo che ogni persona (compresi neonati, bambini, anziani, ecc.) che vive in Israele all’interno della linea verde è un colonizzatore che merita di essere massacrato?”. E loro hanno risposto: “Non sto dicendo che meritano di essere massacrati, ma solo che gli israeliani non sono semplicemente dei civili. Ogni singolo israeliano vive su una terra violentemente rubata ai palestinesi nell’arco della vita di una nonna media. Il solo fatto di esistere come israeliano ti rende un’arma di violenza contro i palestinesi perché vivi su una terra che è stata rubata a loro e ai loro genitori/nonni, ecc. Se non vuoi che la tua bambina venga uccisa nel processo di liberazione della propria terra dagli oppressori, forse non devi essere uno dei loro oppressori. Mia figlia rischia di essere uccisa dai rivoluzionari palestinesi perché ho scelto attivamente di non colonizzare la Palestina”.

Ho percepito l’odio e la rabbia in quei post e questo mi ha spaventato, anche se non avevo idea con chi stessi dialogando. Ma decisi di continuare a provare. “Ma se tu fossi nato lì e tutta la tua famiglia vivesse lì?”. Scrissi: “Sareste tutti in regola per essere uccisi? Israele deve porre fine alla guerra, abbandonare gli insediamenti illegali, porre fine all’apartheid e smettere di opprimere i palestinesi. Non sto difendendo quello che stanno facendo. Ma definirli tutti colonizzatori (anche all’interno della linea verde) che possono essere uccisi solo per il luogo in cui sono nati è un passo troppo lungo”.

La mia insistenza è stata vana. Mi hanno risposto a lettere cubitali: “Sono tutti colonizzatori”. Quindi, per rispondere alla tua domanda, sì. Nessuno in Israele è all’oscuro di ciò che sta accadendo; ogni persona in quello stato di apartheid illegale è consapevole al 100% di ciò che significa vivere lì. Non ci sono insediamenti legali perché Israele stesso non è legale. Si tratta per lo più di europei che hanno colonizzato la Palestina nell’era moderna. Non possono tenersi solo un pezzetto di terra per loro. La Palestina dovrebbe essere governata dai palestinesi e se gli israeliani vogliono restare, devono rispettare le leggi palestinesi”.

Ho pensato: “Ok, ho capito e mi fermerò, ma questa persona che sostiene di volere giustizia deve sentirsi dire che questo non è il modo giusto”. Ho scritto: “Non c’è un tasto per annullare la storia. La strada da seguire è una soluzione che garantisca sicurezza, dignità e autodeterminazione per tutti. Questo inizia con la fine della guerra e dell’oppressione da parte di Israele, ovviamente. Ma dire che gli ebrei israeliani che vivono lì da diverse generazioni devono tornare da dove sono venuti o accettare di essere uccisi, forse suona bene per te, ma non è né pacifico né giusto. Non si può riparare a un’ingiustizia storica creandone altre”.

In risposta a questa affermazione, il poster di Reddit ha deciso di mettere al suo posto la mia mente liberale e sottoposta a lavaggio del cervello: “Ecco una cosa difficile da digerire per chi è cresciuto sotto un’intensa propaganda liberale”, ha scritto, “A volte la giustizia non è pacifica. Far tornare la Palestina in Palestina e rimetterla sotto il dominio dei palestinesi è ciò che è giusto. Se le persone che vivono nelle case rubate ai palestinesi, che coltivano orti nel terreno irrigato con il sangue di migliaia di palestinesi, si rifiutano di restituire la terra al suo legittimo popolo, allora anche il loro allontanamento dalla terra è giusto. Come disse Malcolm X: “Se mi pugnali alle spalle, estrarre il coltello di qualche centimetro non è progresso o giustizia”. Potremo iniziare a discutere di progresso e giustizia quando il coltello sarà stato completamente rimosso”.

Leggi anche:  Israele ha attaccato almeno 8 volte convogli umanitari e le loro strutture a Gaza

Mentre i miei interlocutori sono stati generosamente upvotati, io sono stata downvotata più di 60 volte. Avevo accumulato così tanto karma negativo che stavo iniziando a sentirmi male con me stesso, così ho lasciato la discussione e il subreddit. Sono tornata ai miei subreddit incentrati sugli hobby della panificazione e degli istruttori Peloton e, dopo aver pubblicato messaggi gentili per tre settimane, il mio karma era finalmente tornato positivo.

Oltre a imparare a controllare il mio punteggio karma, questa conversazione mi ha fatto capire quanto la nostra terminologia sia diventata inadeguata a catturare l’essenza dei dibattiti in corso. L’antisemitismo è un termine emerso nel XIX secolo per indicare l’odio politico e razziale nei confronti degli ebrei. Raggiunse il suo apogeo sotto i nazisti, che ritenevano gli ebrei una razza umana separata e malvagia che doveva essere sterminata. Da allora, non solo la scienza razziale è stata sfatata come pseudo-scienza, ma è molto più probabile che gli ebrei vengano descritti come un gruppo religioso o etnico. Inoltre, le persone che esprimono idee antisemite hanno spesso amici ebrei. Ad esempio, il pastore John Hagee, un popolare televangelista che una volta ha detto che Dio “ha mandato Hitler per aiutare gli ebrei a raggiungere la terra promessa”, è un amico dello Stato di Israele ed è stato invitato a parlare alla manifestazione contro l’antisemitismo che si terrà a Washington nel novembre 2023. Gli studenti della tenda di protesta pro-Palestina della Columbia University hanno cantato slogan che glorificavano Hamas e l’uccisione di israeliani, ma hanno accolto gli studenti ebrei per un seder di Pasqua. I nazisti non si sarebbero mai uniti a una marcia contro l’antisemitismo né avrebbero mai accolto degli ebrei nella loro tenda per celebrare una festa ebraica. Queste contraddizioni evidenziano perché il termine antisemitismo genera tanta confusione. Come può un termine che evoca l’assassinio di massa di tutti gli ebrei senza eccezioni essere usato per etichettare coloro che odiano alcuni ebrei ma non altri?

Per molto tempo, l’antisionismo è stato un termine ombrello per chiunque criticasse lo Stato di Israele. Ciò includeva i sostenitori di una soluzione a due stati o di una confederazione che criticavano il governo israeliano, spesso in modo molto aspro. Sempre più spesso, però, il termine antisionismo è diventato sinonimo di opposizione totale al sionismo e, per estensione, di delegittimazione dell’idea di uno Stato ebraico. Questo ha lasciato molti ebrei che criticano il governo israeliano ma sostengono l’esistenza di uno Stato ebraico confusi e alienati dai loro ex alleati progressisti. Tuttavia, dato che gli antisionisti estremi di solito non approfondiscono la loro posizione, e a volte mi chiedo se questa ambiguità sia intenzionale, l’antisionismo è diventato un termine impreciso quanto l’antisemitismo. Cercare di capire quando l’antisionismo è antisemitismo è diventato un compito senza speranza, data la mancanza di chiarezza che circonda entrambi i termini.

Invece di aggrapparsi a etichette che non riescono a cogliere la complessità della situazione attuale, è ora di adottare una terminologia più descrittiva e precisa. Su questa base, chiamerei le idee dei miei interlocutori di Reddit eliminazionismo.

Gli eliminazionisti traggono la loro visione del mondo dalla teoria postcoloniale e vedono lo Stato di Israele in questa cornice. Si tratta di uno stato coloniale costruito su terre rubate dai coloni europei. Dal 7 ottobre, gli eliminazionisti hanno spiegato che i colonizzati hanno il diritto inalienabile di resistere con ogni mezzo necessario. La violenza di Hamas e i rapimenti, pur essendo orribili, sono comprensibili perché le loro vittime non erano civili innocenti ma colonizzatori colpevoli. Poiché Israele è uno stato colonizzatore e la sua terra è stata rubata, il risultato della resistenza palestinese non può essere una soluzione a due stati o una qualsiasi forma di condivisione della terra; può solo essere la restituzione di tutta la “Palestina storica” ai palestinesi. Gli eliminazionisti intendono anche il razzismo e le disuguaglianze come il risultato delle strutture coloniali e suprematiste bianche che persistono nelle nostre società. L’obiettivo della loro vita è lottare per la giustizia e contro tutti i razzismi e le disuguaglianze e includono sempre l’antisemitismo tra i razzismi che combattono.

Leggi anche:  Gaza, convogli con aiuti umanitari assaltati dai coloni con la complicità dell'esercito: la polemica continua

Nella misura in cui gli eliminazionisti chiedono la “rimozione” dello Stato di Israele, ma non il danneggiamento degli ebrei come gruppo razziale o etnico, non sono antisemiti. Tuttavia, non è necessario che un’ideologia sia antisemita per essere crudele e costruita su fondamenta intellettuali sbagliate.

L’eliminazionismo è statico e a-storico, in quanto non ammette la possibilità che i difetti odierni di Israele – e sono molti – siano il risultato di contingenze storiche, decisioni sbagliate e di una deriva di destra della politica locale che può essere invertita. Per giustificare l’eliminazionismo come soluzione alla colonizzazione, bisogna ignorare le specificità della storia ebraica e di Israele. Il sionismo è il nome dato a un movimento politico ebraico che si batteva per la creazione di uno stato ebraico tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. I primi sionisti vedevano il nazionalismo ebraico come una risposta all’antisemitismo. Il loro obiettivo era quello di creare per loro stessi ciò che non potevano avere in Europa: uno stato che li accettasse come membri a pieno titolo della società. Il fatto che i sionisti abbiano adottato idee coloniali europee per raggiungere questo status è innegabile, ma raccontare la storia dello Stato di Israele come se fosse semplicemente il prodotto di un impero coloniale europeo è storicamente inesatto.

Non c’è stato alcun impero ebraico europeo. Gli ebrei che si trasferirono nella Palestina ottomana e poi britannica erano rifugiati. Lasciarono la Russia, la Polonia e successivamente la Germania (e altri paesi europei) non per colonizzare la Palestina per conto di questi paesi, né avevano il loro sostegno militare, finanziario o politico. La Polonia, la Russia, la Germania, ecc. non ritenevano gli ebrei membri a tutti gli effetti delle loro nazioni e lo fecero sapere in modi sempre più violenti che si conclusero con le camere a gas. Il contesto è importante: Poiché il sionismo è emerso in Europa alla fine del XIX secolo, ha preso in prestito dal nazionalismo e dal colonialismo, ma nessuno dei due lo riassume in modo esaustivo.

Se non è una soluzione alla colonizzazione, l’eliminazione di Israele può essere imposta come punizione per la guerra a Gaza? Sebbene l’estrema violenza della guerra sia evidente e sia urgente un cessate il fuoco, si discute ancora se il termine genocidio sia appropriato per la condotta di Israele. Ma immaginiamo, per amor di discussione, che la Corte Internazionale di Giustizia stabilisca che si tratta di un genocidio (cosa che la Corte non ha fatto). Anche in questo caso, lo smantellamento dello Stato sembra essere un rimedio molto insolito. La Germania ha continuato a esistere dopo l’Olocausto. Infatti, non solo la Germania non è stata smantellata, ma ci sono state due Germanie in Europa per 45 anni! La Turchia esiste ancora nonostante il genocidio armeno; il Ruanda esiste ancora; la Cambogia esiste ancora. I tribunali internazionali puniscono gli individui colpevoli; a volte gli accordi di pace comportano lo spostamento dei confini (sospetto che questo sarà il caso di qualsiasi accordo israelo-palestinese), ma i paesi non sono condannati a scomparire.

L’eliminazionismo non è solo un rimedio insolito, ma anche violento. Non sarà possibile smantellare lo Stato di Israele senza infliggere enormi violenze ai suoi cittadini. Pur sapendo che la maggior parte dei manifestanti chiede semplicemente la fine della guerra, è innegabile che gli eliminazionisti siano una voce piccola ma forte nel movimento e che non incontrino opposizione dall’interno. Mi rendo conto che potrebbe essere difficile finché la guerra di Israele contro Gaza continuerà, ma spero che una volta terminata la guerra prevalga il sangue freddo. Invocare violenza su violenza non porterà alla pace”, conclude la professoressa Cassen.

Ci uniamo a questo auspicio. 

Native

Articoli correlati