Elezioni: quella di Emmanuel Macron è una decisione rischiosa ma democratica
Top

Elezioni: quella di Emmanuel Macron è una decisione rischiosa ma democratica

Sui risultati delle elezioni europee non possiamo dire che non fossimo preparati a questo scempio, non ci sono state, sostanzialmente, grandi sorprese, tranne forse per Les Républicains che stanno andando leggermente meglio del previsto

Elezioni: quella di Emmanuel Macron è una decisione rischiosa ma democratica
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Giugno 2024 - 19.25


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

Sui risultati delle elezioni europee non possiamo dire che non fossimo preparati a questo scempio, non ci sono state, sostanzialmente, grandi sorprese, tranne forse per Les Républicains che stanno andando leggermente meglio del previsto, questi sono i risultati annunciati dai sondaggi. 

Pertanto, i partiti tradizionalmente democratici: (Rinascimento+PS+LR+Verdi=41,6%) stanno effettivamente facendo meglio dell’estrema destra (RN+Reconquest=37%), mentre l’estrema sinistra (LFI) è 8,7%.

Se si ragiona in termini di rifiuto dell’estrema destra, quest’ultima rimane chiaramente una minoranza (37% contro il 50.3%). Se si pensa alla spaccatura interna dei vari partiti pro/contro il sostegno all’Ucraina e all’Europa contro la Russia, ricordando comunque che qualsiasi fazione politica non possa, per ovvietà, sostenere la dittatura russa, (o forse qualche dissennato si).

La decisione del Presidente della Repubblica è apparsa scioccante all’inizio. Sciogliere l’Assemblea Nazionale riporta brutti ricordi ai chiraquesi, visto che il risultato è stato poi una convivenza tra estrema destra e centro-destra.

Ma a pensarci bene, forse non è poi così sbagliato. 

Prima di tutto, è democratico. Anche se in tempo di guerra, abbiamo il diritto di lasciare tra parentesi un po’ di democrazia. Solo che la guerra non è ancora del tutto arrivata e a mio avviso ci sarà, il rischio temporale è vicino nei prossimi mesi, se capitoliamo o meno alla Russia.

Poi, rammento che questo voto non è proporzionale, ma un voto a due round che dovrebbe giovare ai partiti repubblicani e agli estremisti svantaggiati. 

Vista la situazione internazionale, che rimane di dominio presidenziale, si può pensare ad una sorta di governo dell’unione repubblicana, dove i francesi dovranno definire le linee, entro quattro settimane. Questa è infatti la soluzione migliore per ottenere la legittimità al governo, che sembra una necessità assoluta in un momento in cui è davvero in gioco il futuro.  

È nel dubbio della lotta che si affermano i valori intelligenti che fanno il futuro dell’umanità

Le date lo dimostrano

1776, 1865 , 1917, 1942 negli Stati Uniti,

1789 in Francia e da quelle di 14 costituzioni (3 sotto la rivoluzione, 3 sotto il Consolato e l’Impero, due carte e poi quella del 1815 chiamata i “Cent-Days”, poi le costituzioni del 1848, 1852, 1875, 1946 e 1958),

Leggi anche:  Macron 'chiama' socialisti e verdi e chiede unità contro la 'febbre estremista' di Marine Le Pen

È un lungo rosario che corrisponde a tutte le guerre che mi fanno riprendere le citazioni di Churchill, autore emerito che aveva osservato bene la dialettica delle guerre e letto gli autori prima di sviluppare un pensiero autonomo che non aveva ancora.

Churchill: “C’è solo una risposta alla sconfitta, ed è la vittoria.”

E sul pessimismo dell’apparenza: “Il pessimista vede difficoltà in ogni occasione, l’ottimista vede opportunità in ogni difficoltà.”

Perché credere nella vittoria nei momenti di sconfitta fa la differenza tra i visionari della storia e gli opportunisti.

Ora che le basi stesse della democrazia vengono attaccate sia negli USA che in Francia e in Europa da truffatori che hanno chiaramente l’equilibrio di altri truffatori, la cui professione è semplicemente la sopravvivenza del loro sistema dittatoriale.

Si tratta di capire perché, a differenza di altri paesi con regime parlamentare UE, la Francia è presa di mira da manipolazioni ingegnose, lo spiego in poche parole: è grazie alla sua forza d’attacco e al suo regime presidenziale che consente l’unità di decisione.

Il dubbio è generato dalla sconfitta, in tempi cruciali Winston Churchill aveva trovato due risposte:

“Agite come se fosse impossibile fallire.”

“Il successo è inciampare da un fallimento all’altro senza perdere l’entusiasmo.” 

La Francia dal 1870, per non dire il 1815, si autodistrugge regolarmente dal disfattismo, esempio: un voto per il fronte popolare pacifista al momento del riarmo nel 1936.

Questa lezione di storia dovrebbe causare una reazione, sempre che i governanti sappiano apprendere questa lezione per poi farla propria.

Altrimenti le loro parole saranno prese in considerazione, come avviene in Francia e nella UE, con un voto contrario alla produttività dei partiti sotto influenza straniera, in un momento critico che nemmeno ci sorprende.

A questo punto la conferma è che il combattimento è a buon punto, che ha resuscitato la frase di Churchill, che è diventata un classico.

“È nel dubbio della lotta che si affermano i valori intelligenti che fanno il futuro dell’umanità.”

Intanto siamo obbligati ad osservare Putin, ora bloccato in campo, ma vincitore nei sondaggi.

I poveri ucraini, oltre che a combattere, devono fare i conti con gli sbalzi d’umore dell’opinione pubblica globale e occidentale.

Leggi anche:  Macron 'chiama' socialisti e verdi e chiede unità contro la 'febbre estremista' di Marine Le Pen

Oggi si apre il vertice dei BRICS in Russia al quale dovrebbero partecipare tutti i nomi importanti del mondo non occidentale. Turchia in testa, che annuncia il rafforzamento delle interazioni economiche con la Russia, ma anche negoziati su tutte le questioni che irritano lo zar e il sultano: Libia, Siria, Egitto, probabilmente anche l’Africa. Chiaramente, l’inviato di Erdogan intende fare di nuovo il colpo di Xi a Putin: portategli qualche bottiglia di ossigeno, ma fategliela pagare a caro prezzo, ottenendo notevoli concessioni. L’indebolimento dell’economia turca ha bisogno di oro russo, ma la Russia ha ancora più bisogno della comprensione della 2a armata della NATO, guardiana dell’odio.

L’obiettivo di Mosca, con questa conferenza, è incrementare ancora il dissenso al piano di pace che Zelenski intende esporre al mondo il prossimo fine settimana. La domanda chiave è: chi parteciperà effettivamente, della diplomazia globale in questo giugno così difficile?. I sauditi, ad esempio, dovrebbero esserci , dopo aver annunciato che aumenteranno la produzione di petrolio, che penalizzerà la Russia, riducendo ulteriormente le sue entrate.

In generale, il gioco delle potenze mondiali non occidentali sembra abbastanza chiaro: vogliono che la guerra finisca, perché fa male agli affari e pone una minaccia nucleare intollerabile al mondo. Ma d’altra parte, tutti sognano che finisca la supremazia occidentale e quindi non vogliono che la Russia crolli. Che, tra l’altro, si unisce al parere dei governanti occidentali, alcuni. 

In altre parole, personalmente, la fine della supremazia occidentale non mi spaventa e sarei disposta anche ad approvare se si trattasse di un semplice aggiornamento egualitario e pacifico. Tuttavia, ovviamente non voglio che venga ottenuta con la forza di un’affermazione di ritorsione, come prevede la Russia.

Sul campo, l’offensiva su Charkiv è ora ufficialmente interrotta, gli ucraini hanno persino recuperato un po’ di terreno ed è stato un vero e proprio numero di vittime per l’esercito russo. Cosa che non impedisce a Putin di ammassare nuove truppe fresche – e appena formate – al confine. Solo che ha sempre meno cannoni per proteggerli – che diventerà un problema esistenziale – e anche il suo SU-57, la crema del suo esercito, vengono distrutti a terra dai droni ucraini, 600 km all’interno dei confini russi.

Leggi anche:  Macron 'chiama' socialisti e verdi e chiede unità contro la 'febbre estremista' di Marine Le Pen

Eppure, nella lista elettorale, Putin ieri ha segnato un punto chiave in Francia. 

La vittoria di Bardella è forte quasi quanto l’elezione di Trump. Specialmente a seguito dello scioglimento dell’Assemblea.

Detto questo, credo di aver capito la decisione di Macron.  

Secondo un sondaggio condotto per LR qualche giorno fa, il principale vincitore di uno scioglimento sarebbe la RN, tutti gli altri a perdere. 

Il partito di Le Pen potrebbe persino raggiungere la maggioranza assoluta, che costringerebbe Macron a convivere con “Marine” come primo ministro. Normalmente avrei detto, perché no, questa è un’occasione per dimostrare agli elettori le contraddizioni insolubili del discorso populista, ma c’è l’Ucraina.

Può bastare l’idea di un fronte comune anti-RN, evidenziata dalla decisione dei macronisti di non candidarsi contro i deputati “repubblicani” uscenti? 

Ho un serio dubbio. 

Include parlamentari impeccabili? Sono pericolosi per l’Ucraina come l’Assemblea nazionale: quello che vogliono è ancora una volta una divisione del Paese su un asse sinistro-destra che non risponde assolutamente al problema di fondo. Vogliamo una democrazia forte capace di resistere alla tirannia, o invece vogliamo accogliere il lupo russo nell’allevamento di pecore?

In ogni caso, la raffinata analisi dei risultati locali è interessante: nelle regioni intorno al confine svizzero (e in misura minore sulla costa basca), i comuni residenziali, bobos, hanno posto il Rinascimento in cima, o meno raramente la lista Glucksmann, mentre più città popolari con una forte presenza di immigrazione, hanno visto France Insoumise arrivare avanti.

Tutti accusano di aver fatto “accomodare” l’estrema destra, che è ancora – abbastanza capace di rifarsi il letto, soprattutto quando Putin gli offre la biancheria da letto -. 

Ho votato due volte dal primo turno Macron; la prima ero scettica, la seconda convinta visti i programmi mantenuti su Europa e Russia, dove è riuscito ad evitare il peggio e ad ascoltare l’urgenza, tutt’altro che ovvia.

Prima risolviamo il problema Putin e poi avremo tutto il tempo per occuparci dei nostri vari tirocinanti “ Bardella” in primis.

Native

Articoli correlati