Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo
Top

Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo

Ce la si potrebbe cavare, come commento a caldo, con il classico adagio “meglio tardi che mai”, dopo l’annuncio, domenica sera, di Benny Gantz della sua uscita dal Gabinetto di guerra israeliano.

Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo
Il primo ministro Benjamin Netanyahu al fianco del ministro degli Affari israeliani e della tradizione ebraica, Meir Porush (a destra)
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

10 Giugno 2024 - 14.19


ATF

Ce la si potrebbe cavare, come commento a caldo, con il classico adagio “meglio tardi che mai”, dopo l’annuncio, domenica sera, di Benny Gantz della sua uscita dal Gabinetto di guerra israeliano. Se non fosse che quel “tardi” ha significato migliaia di morti nella guerra di Gaza, un progressivo isolamento internazionale d’Israele, crimini di guerra e contro l’umanità che hanno portato lo Stato ebraico davanti alla Corte di giustizia internazionale dell’Aja.

Tuttavia, la rottura di Gantz segna uno spartiacque nella tumultuosa vita politica israeliana.

Il re è nudo

A motivarne le ragioni è, su Haaretz, Anshel Pfeffer, tra i più autorevoli analisti israeliani.  Scrive Pfeffer: “Entrambi i leader dei partiti centristi israeliani si sono incontrati con Benjamin Netanyahu la sera del 7 ottobre, mentre il Paese era ancora provato dall’attacco e dal massacro di Hamas. Yair Lapid, il leader ufficiale dell’opposizione e del più grande partito Yesh Atid, aveva una condizione principale per entrare in una coalizione di guerra: rimuovere i leader dell’estrema destra Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich dalle loro posizioni ministeriali.

Benny Gantz, che ha la metà della forza parlamentare di Lapid, era disposto a far mantenere i ministeri a tutti i membri della coalizione estremista di Netanyahu. La sua condizione, la formazione di un piccolo gabinetto di guerra in cui l’estrema destra non sarebbe stata rappresentata, era più appetibile per Netanyahu. Ben-Gvir e Smotrich non hanno gradito, ma hanno potuto mantenere il loro posto di lavoro e Netanyahu ha potuto conservare la maggioranza che lo ha riportato in carica nove mesi prima.

Lapid è ancora convinto che Gantz abbia sbagliato a entrare in una coalizione di guerra con Netanyahu e l’estrema destra. Se Gantz fosse rimasto fuori, come lui, Netanyahu avrebbe presto capitolato sotto la pressione di dover gestire la guerra da solo con i suoi partner piromani. Lapid si è già trovato in questa posizione, quando Gantz ha rotto con lui nel 2020, per unirsi a Netanyahu in un governo di emergenza per il coronavirus.

Il governo di emergenza Covid-19 di Gantz con Netanyahu è durato 221 giorni prima di crollare. Il governo di emergenza di guerra è durato 242 giorni, fino a domenica, quando Gantz si è finalmente dimesso. Ancora tre settimane. Per la seconda volta, la partnership Netanyahu-Gantz si è conclusa dopo meno di otto mesi. Gantz è ancora convinto di aver fatto la cosa giusta in entrambi i casi. Insiste sul fatto che Lapid e chiunque altro pensi che Netanyahu avrebbe potuto essere abbattuto, nel 2020 e dopo il 7 ottobre, è un illuso, ed è convinto che in entrambi i casi il suo ruolo nei governi di emergenza sia stato cruciale, nella preparazione della risposta di Israele alla pandemia e nel processo decisionale nei primi mesi di questa guerra.

La maggior parte di noi si è lasciata alle spalle il Covid-19, ma la guerra è ancora in corso e Gantz ha avuto un ruolo in due decisioni cruciali. Nella prima settimana di gabinetto si è opposto con fermezza, insieme a Netanyahu, alle richieste del ministro della Difesa Yoav Gallant e dei generali dell’esercito di effettuare attacchi preventivi contro Hezbollah in Libano. Due mesi dopo, sono stati Gantz e Gallant, insieme al ministro della Guerra Gadi Eisenkot, a fare pressione su Netanyahu affinché accettasse il cessate il fuoco di una settimana con Hamas, che ha garantito il rilascio di 105 ostaggi.

Ma se Gantz ed Eisenkot non fossero stati presenti, forse sarebbe successo lo stesso. In entrambe le decisioni, è stato il Presidente Joe Biden ad esercitare le pressioni cruciali per evitare una guerra in Libano e per convincere Netanyahu ad accettare l’accordo sugli ostaggi.

Leggi anche:  Gaza: Netanyahu definisce 'inaccettabile' la pausa umanitaria nei combattimenti per 11 ore al giorno

Il ruolo di Gantz è stato importante, ma dovremo aspettare molti anni, fino a quando non saranno resi noti i protocolli riservati del gabinetto di guerra, per avere un’idea più chiara di quanto sia stato determinante il suo ruolo, se mai lo è stato. Se c’è qualcosa che sappiamo di Gantz, è che non è conflittuale e di solito segue la linea dell’establishment della sicurezza.

Senza dubbio, insieme a Eisenkot, è riuscito a convincere i generali, il servizio di sicurezza Shin Bet e il loro collega ex-generale Gallant a sostenere l’accordo sugli ostaggi, quello che è stato portato a termine a novembre e quello che è alla base della proposta inviata ad Hamas, rivelata da Joe Biden il 31 maggio. Sarebbe successo senza di loro? Impossibile dirlo.

E se la loro presenza è stata così cruciale, perché Gantz ed Eisenkot stanno abbandonando il gabinetto di guerra e lasciano Gallant e Netanyahu da soli a trattare con Ben-Gvir e Smotrich?

Sono giunti alla conclusione che Netanyahu li ha usati come un fioretto contro Ben-Gvir e Smotrich, per sviare le critiche dell’estrema destra per non aver colpito più duramente a Rafah e non aver intensificato la guerra al confine settentrionale. I portavoce di Netanyahu sui social media e sui canali che adorano Bibi sono stati istruiti a incolpare Gantz ed Eisenkot per la famosa procrastinazione di Netanyahu, avversa al rischio.

Ora Netanyahu avrà solo Gallant da incolpare e potrebbe finalmente dover affrontare da solo i suoi alleati estremisti. O forse non lo farà, e un ampio fronte di opposizione spazzerà via il governo con un’ondata di proteste senza precedenti.

Qualunque cosa Gantz pensasse di poter guadagnare stando al governo ha ormai fatto il suo corso. Israele è bloccato su tutti i fronti e lo è ormai da mesi. Se persino Gantz, l’uomo che saluta sempre e si presenta al lavoro, lascia il gabinetto di guerra, questo governo è totalmente inutile”.

Il viaggio americano

Altra analisi pregnante è quella di Yossi Verter. Considerazioni che la storica firma di Haaretz declina alla vigilia dell’annuncio di Gantz. Considerazioni rivelatesi “profetiche”. 

Sabato 8 giugno è il termine ultimo che il Partito di Unità Nazionale ha fissato per lasciare il governo. La notte del 18 maggio, il leader del partito Benny Gantz ha concesso a Benjamin Netanyahu un periodo di grazia di tre settimane per elaborare un piano globale del tipo che il primo ministro aveva evitato nei sette mesi precedenti per riportare a casa gli ostaggi, il “day after” a Gaza, la fine dei combattimenti nel nord e altri obiettivi strategici. Poco dopo la conferenza stampa di Gantz, l’Ufficio del Primo ministro (leggi: “Likud”) ha respinto le condizioni. Come al solito, il messaggio conteneva insulti e offese. Qualsiasi politico con un briciolo di amor proprio si sarebbe alzato e se ne sarebbe andato. La cerchia di Gantz si è asciugata lo sputo dalla faccia e ha borbottato qualcosa sul fatto che l’8 giugno non è sacrosanto e che il partito potrebbe lasciare il governo anche prima. Ora ci stiamo avvicinando alla scadenza. Se si crede ai leader di Unità Nazionale, l’uscita dal governo è un affare fatto (cioè, nell’ipotesi che non scoppi una guerra nel nord o che si facciano progressi verso un accordo sugli ostaggi).

La realtà politica israeliana, così come l’abbiamo conosciuta negli ultimi otto mesi, sta per subire un cambiamento fondamentale. Il governo perderà il giubbotto antiproiettile che lo ha protetto dalla comunità internazionale. Perderà il certificato kosher che lo ha aiutato a sembrare responsabile ed equilibrato, e meno estremo, messianico e razzista. Netanyahu ha ripetutamente violato i termini dell’accordo di coalizione che aveva con il Partito di Unità Nazionale, umiliandolo, insultandolo e talvolta persino incitandolo. Con la sua partenza, gli ultimi resti della sua legittimità pubblica in un Israele sano di mente evaporeranno nell’aria calda dell’estate.

Leggi anche:  Gaza, Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra per bloccare gli estremisti e avere pieni poteri

La domanda è cosa succederà all’altra parte. Gantz, Gadi Eisenkot e Chili Tropper rientreranno naturalmente nei ranghi dell’opposizione o lotteranno per liberarsi dagli orpelli del governo e del potere amministrativo? Per esempio, si uniranno alle proteste settimanali del sabato sera per chiedere elezioni anticipate? Gantz probabilmente non ha intenzione di avvicinarsi alla Kaplan Street di Tel Aviv. I manifestanti non sono la sua base come lo erano durante le proteste per la revisione del sistema giudiziario. Ma il movimento di protesta non ha bisogno di lui, solo della sua non presenza nel governo. E sul movimento di protesta: Lo scorso sabato sera, sembrava che Israele si fosse improvvisamente svegliato. Più persone sono scese in strada. Lunedì la Knesset dovrà votare la legge che esenta gli ultraortodossi dalla leva. I leader del gruppo di protesta Free in Our Land stanno pianificando manifestazioni davanti alla Knesset. Si prevede che le proteste si intensificheranno in modo significativo a partire dalla metà di giugno. La chiamano “tattica della palla di neve”. Sono previste “giornate di interruzione” e “giornate di rabbia” e manifestazioni a Gerusalemme che potrebbero coinvolgere la federazione sindacale Histadrut e il settore imprenditoriale.

I manifestanti mirano a provocare lo scioglimento della Knesset prima della fine della sessione estiva, il 25 luglio. Netanyahu spera di arrivare fino ad allora senza che il governo cada. Dopo la fine della sessione, avrà 90 giorni di pace industriale fino all’apertura della sessione invernale. Sarebbe un risultato significativo che molti non credevano possibile lo scorso autunno, la caduta più terribile nella storia della nazione. La Knesset si riunirà nuovamente circa 10 giorni prima delle elezioni presidenziali statunitensi. Se si concluderanno con una vittoria di Donald Trump, il cielo sarà il limite per Netanyahu. Per il resto di noi – l’inferno.

Giocatore d’azzardo cronico

Netanyahu è stato a capo del governo per quasi 17 anni. Sfortunatamente per lui, in 13 di essi i democratici hanno occupato la Casa Bianca. Tutti i presidenti democratici erano suoi nemici.

Per sua sfortuna, la guerra di Gaza è scoppiata durante le amministrazioni Biden e, peggio ancora, un anno prima delle elezioni presidenziali. Il conflitto con la Casa Bianca è iniziato nei primi giorni della guerra, anche quando il trauma del 7 ottobre era ancora fresco e l’abbraccio degli Stati Uniti era caloroso. Washington non ha mai fatto affidamento su Netanyahu e sul suo governo. Dal momento in cui, la settimana successiva al 7 ottobre, il primo ministro ha preferito la sua coalizione di 64 persone a un vero governo di unità nazionale, gli americani sapevano dove sarebbe andata a finire la storia. Tuttavia, hanno mantenuto un barlume di speranza che Netanyahu potesse rinsavire. Con il passare dei giorni e delle settimane, gli americani si sono resi conto che Netanyahu preferiva gli scontri con Washington per guadagnare punti con la sua base elettorale, che aveva perso con la debacle del 7 ottobre. Non avevano idea di dove si sarebbe andati a parare. Omer Benjakob di Haaretz ha rivelato questa settimana una campagna finanziata dal governo israeliano (attraverso il Ministero degli Affari della Diaspora, guidato da Amichai Chikli) che ha “preso di mira” i politici statunitensi in parte attraverso profili fabbricati e siti di notizie false. Questi sono i metodi preferiti da Mosca e Pechino. Almeno i politici, a differenza del precedente procuratore della Corte penale internazionale, non hanno ricevuto una minacciosa visita notturna dall’ex direttore del Mossad Yossi Cohen.

Leggi anche:  Il tragico paradosso israeliano: e se il successore di Netanyahu fosse peggiore dell'attuale guerrafondaio?

Il confronto con la Casa Bianca raggiungerà il suo culmine con la ripetizione dello stesso trucco messo in atto da Bibi nel 2015: Un discorso al Congresso su invito dei repubblicani senza il coinvolgimento del presidente democratico alla fine di questo mese. In questo modo, Netanyahu ripeterà due dei suoi errori passati: non solo tenere un discorso in queste circostanze, ma anche scommettere sul candidato repubblicano alla presidenza e insultare il presidente democratico in carica. Nel 2012 ha scommesso (stupidamente) su Mitt Romney, su raccomandazione dell’allora ambasciatore di Israele negli Stati Uniti, Ron Dermer. Nel 2024, gli viene facile.

Quello in America dovrebbe essere il viaggio inaugurale del jet ufficiale del primo ministro Wing of Zion. Sarà interessante vedere se affitterà un secondo aereo cargo per volare dietro di esso. Visto il tempo trascorso dall’ultima uscita di piacere della prima coppia, è spaventoso pensare a quali montagne di biancheria si siano accumulate a Cesarea.

Davanti al Congresso, secondo quanto riferito il 24 luglio, pronuncerà slogan vuoti e i repubblicani si alzeranno ancora e ancora per le standing ovation. Se Joe Biden sarà a Washington nello stesso periodo, forse si incontreranno. In tal caso, sarà interessante vedere dove avverrà l’incontro. Il Presidente non è disposto a far varcare a Netanyahu la soglia della Casa Bianca, nemmeno come turista. Dal suo punto di vista, un invito nello Studio Ovale (che non è stato esteso dalla formazione dell’attuale governo) non solo darebbe un tacito timbro di approvazione a un primo ministro che ha guidato un putsch fallito contro la democrazia israeliana e ora sta guidando uno sforzo bellico catastrofico, ma anche ai suoi partner di coalizione di estrema destra.

Washington è pienamente consapevole della debolezza di Netanyahu e delle sue buffonate. Ciò che rende ansiosi gli americani è il risultato: una grande erosione del potere di Israele. Più Israele è debole, più l’America gli chiederà interventi, pressioni, lotte politiche e risorse. Gli americani amano la tattica di Teddy Roosevelt di parlare dolcemente e portare un grosso bastone. Non amano quando sono costretti a parlare meno dolcemente e a passare a bastoni più grandi e costosi.

Gli americani osservano a distanza la perdita di deterrenza di Israele con una combinazione di sobrietà e tristezza per il declino del loro alleato. Non c’è bisogno di essere un analista dell’intelligence statunitense per capire che la debolezza di Netanyahu è stata evidente fin dal momento del suo ritorno alla carica di primo ministro. Esiste un collegamento diretto tra la perdita di deterrenza nei confronti di Itamar Ben-Gvir, che ha fatto di Netanyahu il suo burattino, e di Bezalel Smotrich, che ha apertamente sfidato Netanyahu, e la perdita di deterrenza nei confronti di Yahya Sinwar, Hassan Nasrallah e Ali Khamenei.

Il discorso di Netanyahu al Congresso può fargli guadagnare qualche punto nei sondaggi in patria, ma non servirà a nulla per il Paese. L’uomo che andrà a Washington è il primo ministro di una parte di Israele e parlerà solo a una parte del popolo americano. Condurrà una serie di interviste con i media statunitensi, soprattutto quelli con piattaforme più “morbide” rispetto agli intervistatori seri che sanno bene con che tipo di bugiardo patologico hanno a che fare.

Gli account X della destra esploderanno di gioia e vibreranno di ammirazione. Ma almeno metà del Paese non proverà alcun orgoglio. Proverà solo avversione per l’uomo, il bluff e il falso”.

Così conclude Verter. Ora si vedrà se quell’avversione avrà la forza e l’unità necessarie per spazzare via il governo peggiore nella storia d’Israele. 

Native

Articoli correlati