L'appello di 350 Ong israeliane e palestinesi: costruire la pace attraverso la società civile
Top

L'appello di 350 Ong israeliane e palestinesi: costruire la pace attraverso la società civile

Il 13 giugno, i capi di Stato di Italia, Germania, Giappone, Canada, Regno Unito, Stati Uniti, Francia e Unione Europea si incontreranno per il Vertice del G7

L'appello di 350 Ong israeliane e palestinesi: costruire la pace attraverso la società civile
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

10 Giugno 2024 - 20.27


ATF

“Una lista di oltre 350 organizzazioni di costruzione della pace e i loro sostenitori chiedono che la costruzione della pace attraverso la società civile sia una priorità al Vertice del G7 che si terrà in Italia questa settimana. Condividete il loro messaggio e dite ai leader mondiali che la pace non è un ripensamento. #PeacebuildingPersists #G7

Il 13 giugno, i capi di Stato di Italia, Germania, Giappone, Canada, Regno Unito, Stati Uniti, Francia e Unione Europea si incontreranno per il Vertice del G7 per affrontare questioni globali. Unitevi a noi, e a più di 350 altre organizzazioni, nel chiedere loro di dare priorità alla costruzione della pace al #G7 #PeacebuildingPersists

Ogni anno, il Vertice del G7 riunisce i leader mondiali dei paesi del G7 e altri per discutere delle principali questioni globali. Unitevi a noi nel chiedere al G7 di stabilire un nuovo precedente per la costruzione della pace in Palestina e Israele, uno che metta al centro le voci della società civile. #G7 #PeacebuildingPersists

Quest’anno chiediamo ai leader del G7 di dare priorità alla pace al Vertice G7 Puglia di giugno. Unitevi a noi, insieme ad altre 350 organizzazioni, nel chiedere ai leader del G7 di impegnarsi coraggiosamente a quanto segue: “Affermiamo il nostro impegno a lavorare insieme a livello multilaterale – e con altri partner internazionali – per coordinare strettamente e istituzionalizzare il nostro sostegno agli sforzi di costruzione della pace della società civile. Assicurandoci che tali sforzi facciano parte di una strategia più ampia per costruire le basi necessarie per una pace negoziata e duratura tra Israele e Palestina”. #PeacebuildingPersists #G7

Una riflessione coraggiosa, un impegno da condividere

“È difficile da immaginare, ma prima del 7 ottobre, l’idea fuorviante che il conflitto israelo-palestinese potesse essere gestito a un costo relativamente basso era l’analisi prevalente nelle principali capitali del mondo. Otto mesi dopo la peggiore violenza mai vista da israeliani e palestinesi, quanto profondamente stanno riflettendo diplomatici e statisti nelle principali capitali sulle conseguenze di questa visione illusoria o della deliberata cecità? Al prossimo Vertice dei Leader in Puglia, il Primo Ministro Meloni avrà la possibilità di rispondere in modo significativo a questa domanda e contribuire a definire un retaggio per il suo governo e la presidenza italiana del G7. Potremmo anche scoprire quanto siano seri i leader mondiali nell’investire negli sforzi di base necessari per risolvere, anziché solo gestire, questo conflitto.

Leggi anche:  L'esercito israeliano libera 4 ostaggi che erano imprigionati a Nuseirat

Ogni anno, i leader del G7 – Canada, l’UE, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – si riuniscono in una località pittoresca e discutono le questioni più urgenti del momento. La loro visione collettiva viene poi codificata nel “Comunicato dei Leader”, un documento lungo e intensamente negoziato che distilla le priorità delle democrazie più potenti e ricche del mondo. Il conflitto israelo-palestinese è da tempo considerato una delle questioni più importanti che richiedono l’attenzione di questi stati. Tra il 2000 e il 2019, è stato presente in quasi tutti i Comunicati del G7. Ma negli ultimi cinque anni, fino a questa orribile guerra, è stato menzionato solo in uno.

Mostrami il tuo comunicato e ti dirò quali sono le tue priorità. In parole povere: questo conflitto, negli ultimi cinque anni, non è stato una priorità. Il risultato di questa negligenza internazionale è l’esplosione   più devastante di violenza tra ebrei e palestinesi in più di un secolo di conflitto protratto. Quasi 40.000 palestinesi morti a Gaza, dove la maggior parte della popolazione è costituita da bambini. Il più grande pogrom contro gli ebrei dalla Shoah. Stupro e violenza sessuale usati come arma di guerra. Il più grande trasferimento forzato di palestinesi – più di quattro su cinque abitanti di Gaza – dalla Nakba. E nessuna fine in vista per questa guerra.

Leggi anche:  Israele: proteste in tutto il paese per chiedere le dimissioni del governo di estrema destra

Pertanto, un paragrafo copiato e incollato nel comunicato del G7 che ribadisce posizioni consolidate sulla necessità di una soluzione a due stati non sarà all’altezza della gravità di questo momento. Qualsiasi strategia collettiva del G7 per affrontare la crisi e mettere entrambi i popoli sulla strada verso la libertà, la sicurezza e l’autodeterminazione deve affrontare il trauma, la paura e la disumanizzazione provati dai palestinesi e dagli israeliani prima e dopo il 7 ottobre. Al centro di questa strategia deve esserci il lavoro dei costruttori di pace della società civile – un’avanguardia sul terreno altamente interconnessa, efficace e dedita alla pace e all’uguaglianza.

Come ha recentemente sostenuto l’ex Ministro del Medio Oriente del Regno Unito Alistair Burt su Arab News, è fondamentale sostenere l’integrazione del lavoro di costruzione della pace nella strategia del G7: “Questa volta, un processo dal basso verso l’alto deve accompagnare quello dall’alto verso il basso per ottenere pace, giustizia e sicurezza durature… Con le limitazioni delle attuali leadership politiche così evidenti, non è irragionevole chiedere che gli sforzi della società civile siano inclusi nell’orizzonte di un processo di pace rinnovato. In mezzo ai fallimenti, i loro sforzi sono stati un successo.”

Dopo decenni di fallimenti e di disinteresse internazionale, la società civile sta chiedendo un posto al tavolo ed esige che la sua opera venga integrata come un aspetto chiave di un rinnovato sforzo diplomatico multilaterale. 160 ONG impegnate in iniziative di pace in Israele e Palestina hanno scritto una lettera indirizzata ai leader del G7. Il loro appello è stato co-firmato da oltre 200 ONG da tutto il mondo, inclusi i paesi membri del G7, nonché da Irlanda del Nord, Siria, Sri Lanka, Colombia e Kashmir, paesi che conoscono fin troppo bene il dolore del conflitto e il ruolo vitale che la società civile gioca nell’affrontarlo. 37 parlamentari britannici hanno ora scritto al Primo Ministro e al Ministro degli Esteri amplificando questo appello, e i membri del Parlamento europeo hanno fatto lo stesso con i Presidenti della Commissione europea e del Consiglio.

Leggi anche:  Israele: i "disertori" politici e i guerrafondai dalla doppia morale

Questo appello urgente è stato ora co-firmato da Papa Francesco ,che ne è stato informato  a Verona da Maoz Inon e Aziz Abu Sarah, un israeliano e un palestinese che hanno entrambi perso familiari in questo orribile conflitto e hanno dedicato la loro vita a risolverlo. Come ha detto Aziz nel recente TED Talk suo e di Maoz, “Non divideteci perché siamo israeliani e palestinesi, musulmani ed ebrei. Se dovete dividerci, fatelo tra coloro che credono nella giustizia, pace e uguaglianza. E coloro che non ci credono… ancora.”

Il 13 giugno, l’Italia ha la possibilità di fungere da paese-guida nella correzione di un errore collettivo, dando priorità alla risoluzione di questo conflitto e stabilendo un retaggio per questo 50º vertice del G7, attribuendo finalmente un ruolo centrale al lavoro di israeliani e palestinesi che credono nella giustizia, pace e uguaglianza, e dando loro il potere di lavorare all’interno delle loro società per convincere coloro che non ci credono… ancora”.

L’autore è John Lyndon, direttore esecutivo, con base a Parigi, dell’Alleanza per la pace in Medio Oriente (ALLMEP), la più grande rete di costruttori di pace israelo-palestinesi.

Un’Alleanza da rafforzare. E dar conoscere. Cosa che Globalist fa con convinzione, perché la pace o nasce dal basso o non sarà. 

Native

Articoli correlati